maggio 28, 2014

Passatempo, necessità o arte: è sempre più tendenza-riuso

lampadarioLa realtà dell’upcycling, il movimento culturale che impiega pezzi di scarto per realizzare oggetti di uso quotidiano come elementi di arredo, vestiti e bijoux è in crescita ed è una delle risposte alla crisi e all’attenzione all’ambiente e al non spreco. Se pensiamo che l’Italia è il primo consumatore di acqua in bottiglia in Europa e tra i primi nel mondo, quante bottiglie immettiamo nella raccolta differenziata? Come possiamo riutilizzarle?

Per  creare gioielli leggeri, ecocompatibili, divertenti e colorati: collane, bracciali, con motivi floreali o forme astratte, monocromatiche o tono su tono.

E con tutte le bibite che esistono in commercio, anche il colore trionfa, sapientemente mixato in modo personale e moderno.

Da una bottiglia, con la pazienza e l’arte del ritaglio, forando i pezzi e assemblandoli come se sembrassero di vetro tutte noi possiamo ottenere i nostri pezzi unici, ad esempio una fantastica collana unendo altri materiali riciclabili, il filo da pesca in plastica e perline, insomma dare vita ad un nuovo oggetto speciale anche esso del tutto riciclabile, una volta finito il suo ciclo di vita!

ear-title

E se fossero “opere d’arte”?

Le collane personalizzate, riciclabili esse stesse al 100% a volte possono scoprire i lati più geniali e creativi di noi. E se i nostri gioielli un giorno diventassero dei veri e propri pezzi unici di design? È successo a New York alla designer italiana Patrizia Iacino con il suo atelier GlobalcoolO! Patrizia, partita da Firenze come architetto, ha saputo unire un’esperienza di vita internazionale aperta alle diversità e alle novità, (New York è un crogiuolo di culture affascinante) al suo gusto italiano. Ha creato gioielli più vicini ad opere d’arte che all’ornamento e che sono nati unendo plastica e materiali preziosi, come tutto ciò che nella vita ci dona bellezza.

Le collezioni GlobalcoolO Milk Cap, H2O, EYE, SAL e Circle e sono presenti all’Hardwood Museum of Art gift shop a Taos, nel Nuovo Messico. E in più c’è la nuova collezione Acquamarina.

Per avere un’ispirazione di come davvero possiamo unire gusto, arte, ironia, femminilità e sostenibilità, visitate www.globalcoolo.com.

Previous post:

Next post:

Powered by Greenbean and Heppni | Privacy Policy