marzo 12, 2014

A tu per tu con la pelle e i bio-cosmetici più sicuri

bCosmetici, sieri, creme e prodotti per l’igiene ci aiutano ogni giorno a farci sentire belle e a nostro agio con noi stesse. L’importante è scegliere quelli giusti per la pelle, che oltre ad essere l’organo più esteso è anche la nostra “porta” sensibile verso l’esterno: assorbe, assimila e sta a contatto con gli agenti esterni sia atmosferici che chimici. Naturalmente la scelta migliore per la salute delle donne riguarda i prodotti bio. Ma come sceglierli?

Il primo passo è leggere l’etichetta, una fonte di informazioni fondamentale per il consumo responsabile. Gli ingredienti devono essere riportati in ordine decrescente a seconda della percentuale di principio attivo e nel pieno rispetto della nomenclatura internazionale INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients). La data di scadenza è obbligatoria quando il prodotto ha durata inferiore ai 30 mesi. Dai 30 mesi in poi deve comunque comparire il PAO (Period After Opening) e cioè la validità dopo la prima apertura.

Per scegliere i trattamenti in modo ancora più naturale possiamo verificare l’origine degli estratti contenuti. Alcuni produttori seguono la filiera sin dalla semina controllando l’origine dei frutti, delle erbe e dei fiori che armonicamente contribuiscono alla bellezza sostenibile, non solo per noi ma anche per l’ambiente e i terreni di coltivazione. La certificazione “ICEA“ garantisce sia l’assenza delle sostanze vietate sia degli OGM e l’utilizzo di sole materie prime da coltivazioni biologiche, come spiega bene il sito www.icea.info/it

Sul web possiamo trovare molti siti utilizzati sia dai consumatori più attenti sia dai produttori che vanno fieri della bontà dei propri trattamenti.  www.saicosatispalmi.org è una vera e propria vetrina online con vasta scelta di prodotti bio e molte utili informazioni. www.onlybio.it riporta un elenco dettagliato delle certificazioni bio più sicure, tra cui AIAB dell’Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica, NDIH, Bio-Organic e Bioagriart, Nikel Tested, fornendo una gamma sicura a chi è già abituata agli acquisti online.

Per chi preferisce i punti vendita tradizionali e la grande distribuzione il sito www.biodizionario.it è un buon aiuto per orientarsi sul mercato. Riporta la traduzione di tutti gli ingredienti che per convenzione INCI sono spesso in latino (ad esempio “prunus amygdalus dulcis oil” sta per “olio di mandorle dolci”) e per ciascun componente esprime un voto che tiene conto della quantità percentuale e della sicurezza per la pelle.

 

Previous post:

Next post:

Powered by Greenbean and Heppni | Privacy Policy