maggio 21, 2012

Le radici dimenticate: mangiamo i tuberi

Molto coltivati in tempi remoti, hanno visto guerre e carestie aiutando l’uomo a sopravvivere in tempi difficili…

Tuberi e radici, ortaggi che vivono sotto terra, le riserve delle loro piante. Dimenticati dalle nostre tavole in questi ultimi anni. E da riscoprire, con il loro gusto antico e particolare, per le loro qualità e benefici nutrizionali: sono infatti ricchissimi di vitamine, di proteine vegetali, di zuccheri naturali, di grassi cosiddetti buoni e di sali minerali.

Ecco alcuni esempi:

Il daikon (significa grande radice) è un tubero…
proveniente dall’Asia Orientale. Ultimamente è maggiormente usato in Italia, soprattutto nell’alimentazione vegana. Assomiglia a una carota ma è bianco e più grande e ha un gusto simile ai ravanelli, leggermente piccante. Tra le sue proprietà ricordiamo quelle diuretiche e drenanti.

Il ravanello, ortaggio più diffuso, ha un sapore piccante, come grosse ciliegie dal colore rosse o striato di bianco, facilmente coltivabile e con pochissime calorie.

Il sedano rapa in Italia è maggiormente coltivato nelle zone dell’area settentrionale. E’ come una sfera, di colore bianco, dal sapore meno intenso rispetto al sedano e in cucina si presta a usi da protagonista.

Il topinambur ha un sapore simile alla patata e al carciofo. Dai bellissimi fiori giallo oro (simili alle margherite), presenta tantissime proprietà. Una fra tutte? Contiene inulina, zucchero tollerato dai diabetici.

Le carote le conosciamo bene, sappiamo anche che sono una grande fonte di Vitamina A. Forse però non tutti sanno che le carote, arancioni come le conosciamo noi, sono frutto di vari incroci effettuati nei secoli. Esistevano e ora stanno pian piano riaffacciandoci nei supermercati altre varietà di carote, di altri colori, come ad esempio quelle nero- violacee.

Per scoprire in cucina questi preziosi ortaggi vi consiglio questo libro, Radici e tuberi in cucina, di Alice Savorelli, ed. Terra Nuova.

Buon appetito!

Fonti:

http://www.cibo360.it/

http://www.riza.it/

http://www.coltivareorto.it/consigli-orto/tuberi-foglie-frutti-semi-ecco-gli-ortaggi.html

 

Posted by Michela Palmieri

  • riccarda

    amo i tuberi e le radici coltivate sin dalla preistoria.
    Si pensa che siano state le prime coltivazioni dell’uomo primitivo.
    Ottime la scorzobianca e la scorzonera, la rapa, come sono buone le piccole rape appena raccolte e come giustamente dice l’articolo le carote.
    Tenerissime le piccole carotine primaverili scottate nel burro
    Di questo e molto altro parlo nel mio blog che ho creato per diffondere la mia passione ortiva
    Riccarda
    http://www.ortopertutti.com

  • Anonimo

    Ciao Riccarda! Sì, son davvero buoni e vanno riscoperti. Mi piacerebbe saperne di più su come coltivare gli ortaggi, darò un occhio al tuo blog! Ciao e a presto

Previous post:

Next post:

Powered by Greenbean and Heppni | Privacy Policy