gennaio 20, 2016

Sindrome premestruale: come combatterla in modo naturale

sindrome premestruale rimedi naturaliQuali sono i sintomi della sindrome premestruale?

Le fluttuazioni ormonali ai quali il corpo è soggetto nel corso del ciclo influenzano ogni donna, ma solo nel caso di sintomi specifici si parla di sindrome premestruale. Tuttavia, non è facile tracciare un quadro del disturbo, in quanto i singoli segnali indicati dalle donne possono variare molto e comparire solo parzialmente o secondo combinazioni diverse.

La sindrome premestruale si lega ad alterazioni sia fisiche, sia psicologiche. Nella prima categoria rientrano:

  • gonfiore e dolore al seno
  • aumento di peso dovuto a ritenzione idrica
  • stipsi
  • gonfiore addominale e agli arti
  • dolori muscolari
  • comparsa di foruncoli

I sintomi legati alla sfera psicologica ed emotiva più frequenti, invece, sono:

  • cambi di umore repentini
  • ansia
  • insonnia
  • irritabilità ed aggressività
  • crisi di pianto
  • stanchezza
  • attacchi di fame anche incontrollabili con voglia di dolci

Questi sintomi possono presentarsi in concomitanza o singolarmente, nel periodo precedente o durante i giorni del flusso mestruale, con maggiore o minore intensità. Sarà questa a determinare se sia il caso di consultare uno specialista in merito, oppure se è sufficiente mettere in atto alcuni accorgimenti per tenere sotto controllo il proprio stato fisico ed emotivo: lo stile di vita ed alcuni rimedi naturali, infatti, possono risultare molto efficaci.

Rimedi naturali per la sindrome premestruale

Il più efficace rimedio naturale consiste nel supplemento di calcio, molto utile anche per prevenire e lenire il dolore. Gli alimenti che ne sono naturalmente ricchi sono il sesamo, le mandorle, i cereali integrali, verdura come cavoli e broccoli, alghe, pesce e legumi.

I sintomi possono essere accentuati da un’altra carenza molto comune, ovvero quella di magnesio: l’integrazione è possibile tramite prodotti naturali, ma anche correggendo l’alimentazione, introducendo cibi ricchi di questo minerale. È il caso della verdura a foglia larga, dei semi di zucca, dei germogli di soia, legumi, frutta a guscio, cereali integrali.

È importante, poi, una corretta assunzione di vitamina B6: in realtà, i casi di carenza sono rari ed è sufficiente mantenere un’alimentazione varia per scongiurare il pericolo. Insieme, magnesio e B6 sono estremamente efficaci nel contrastare i sintomi psichici ed emotivi della sindrome premestruale, come la tristezza e gli stati depressivi temporanei; entrambi questi elementi, infatti, svolgono un ruolo primario nella produzione della serotonina, regolatrice dell’umore.

Accanto all’alimentazione, non va dimenticato il rimedio forse più importante: l’accettazione, intesa come consapevolezza della propria maggiore vulnerabilità per qualche giorno al mese e la conseguente introduzione di qualche cura particolare. Ognuna può individuare l’attività più rilassante: yoga, meditazione, shiatsu sono efficaci alleati per ritrovare l’equilibrio psicofisico, così come il rallentamento. Vivere con lentezza, nei giorni più difficili, può rivelarsi la migliore delle cure.

Previous post:

Next post:

Powered by Greenbean and Heppni | Privacy Policy