luglio 14, 2012

La Biodanza o danza della vita

Quali sono gli “effetti collaterali” del danzare insieme agli altri?  Senso di pienezza, senso di benessere, armonia, connessione con il mondo e con la natura.

Questi e altri sono i benefici che apporta seguire una classe di Biodanza (danza della vita). Ho fatto una chiacchiera con Silvia, insegnante di Biodanza di Milano. Ecco cosa mi ha raccontato:

Cos’è la Biodanza? E’ un sistema di crescita personale e di rinnovamento esistenziale. E’ un’attività di promozione della salute globale della persona, che mira a sviluppare le potenzialità, lavorando sulla parte “sana” del nostro essere, andandola a stimolare.

Il fondamento della Biodanza è la Vivencia, che significa l’esperienza di sentire la vita nel qui e ora.  La Biodanza propone Vivencias che promuovono l’unità corpo-mente-emozione, favorendo così una sempre migliore armonia della persona con se stessa, con gli Altri e con il Cosmo.

Cosa succede in una lezione di Biodanza? Si danza insieme agli altri, guidati dal didatta che propone particolari movimenti guidati, da eseguire insieme alla musica. Non si tratta di esercizi di estetica, ma di movimenti corporei integranti che facilitano la connessione con il nostro sentire. Questo dà benessere. Ballando si vivono momenti di pienezza e libertà.

Perché le persone seguono un corso di Biodanza? Sono tanti e diversi i motivi: bisogno di socializzazione, bisogno di cambiamento, voglia di sviluppare le proprie capacità, la necessità in un momento difficile, di solitudine o di trasformazione…

Un esempio di esercizio? La sincronizzazione ritmica, una danza per integrare il ritmo e il rapporto con l’altra persona. Si impara a danzare insieme all’altra persona, “ascoltandola”.

E’ importante il gruppo? Il gruppo è più che fondamentale. La biodanza si rivolge al gruppo, che è la sua essenza.

Chi la pratica? Persone di tutte le età, dai 18 agli 80 anni. Tante donnenoi donne forse abbiamo più facilità di contatto con nostre emozioni, più capacità di metterci in gioco con la nostra sensibilità.

Grazie Silvia!

E voi? Cosa è per voi la danza?

Posted by Michela Palmieri

 

Previous post:

Next post:

Powered by Greenbean and Heppni | Privacy Policy