settembre 28, 2011

Fitness 2011: in una sola parola, faccio tutto!

Se l’anno passato le palestre facevano doppi turni per ospitare le numerose fan della Poledance, quest’anno le previsioni dal mondo del fitness 2011 ci dicono che i sempreverdi yoga e pilates vincono nuovamente, ma vestiti di nuovi abiti provenienti da differenti discipline e paesi. Il denominatore comune è la cura del corpo, rigorosamente al naturale.

Tra le novità autunnali 2011 vi è lo Shed, acronimo americano che sta per simplify, heal, empower, detox ed è una versione ultramoderna del classico yoga. Le lezioni di yoga Shed si tengono in un ambiente riscaldato perché è importante sia il comfort che la traspirazione. Le posizioni hanno nomi più semplici per essere maggiormente comprese e ricordate dai fruitori. Lo Shed ancora non è in Italia ma arriverà presto. Per il momento si possono trovare delle informazioni sul sito di Jane Kersel (http://janekersel.com/shed-.html), la creatrice di questa disciplina.

La fusione delle migliori virtù di yoga e pilates ha invece creato lo Yogilates: l’importanza della postura, l’allungamento dei muscoli, l’elasticità dei legamenti e una corretta respirazione sono gli elementi fondamentali di questa nuova disciplina. In Italia è presente, lo si trova già in diversi centri fitness.

Il Cardiolates invece è per coloro che hanno bisogno di coniugare le attività cardiotoniche con il pilates, puntando sul miglioramento di equilibrio e circolazione. Per gli amanti dell’acqua c’è invece l’Aqualates, un mix tra pilates e discipline acquatiche. Fisico tonico, attività drenante e relax sono i propositi di questa disciplina.

Il Tangolates sembra essere la soluzione più originale in assoluto per chi non vuole rinunciare proprio a nulla per stare in forma ed insieme divertirsi. Inventato da Tamara di Tella, il tangolates permette di fare gli esercizi di pilates in coppia, ma anche di eseguire coreografie!

Curioso e da proporre assolutamente al proprio tanghero di fiducia.

 Fonte: www.pianetadonna.it

Posted by Michela Palmieri

 

Previous post:

Next post:

Powered by Greenbean and Heppni | Privacy Policy