novembre 25, 2015

Ciclo in ritardo: le cause più comuni

Mestruazioni e ciclo in ritardo
Il ciclo mestruale è considerato regolare se ha una frequenza abituale compresa tra i 25 e i 35 giorni: questo significa che molte donne hanno una cadenza diversa rispetto ai classici 28 giorni di cui si sente sempre parlare. Di conseguenza, se il ciclo si presenta ogni 29 o più giorni non significa che vi sia un ritardo ogni mese.

Possiamo considerare il ciclo in ritardo quando non rispetta la cadenza solita per la donna e, senza apparente ragione, questo periodo si allunga. Nel corso della vita, qualche episodio sporadico di irregolarità interessa praticamente tutte le donne: vediamo quali sono le principali cause e quando è il caso di rivolgersi al medico.

Ciclo in ritardo = bimbo in arrivo?

Che tu sia o meno alla ricerca di un bambino, se il ciclo è in ritardo e il dubbio ti attanaglia la cosa migliore da fare è effettuare un test di gravidanza, che ti permetterà di confermare o escludere questa causa.

Se il test è negativo e il ciclo tarda comunque ad arrivare, è il caso di prendere in considerazione altre cause per valutare se l’episodio richiede approfondimenti e accertamenti dal punto di vista medico. Non sempre, infatti, un semplice ritardo senza ulteriori sintomatologie è segno di problematiche specifiche: lo stress, la stanchezza, il cambio di stagione sono solo alcune delle cause che possono sporadicamente influire sulla tua regolarità.

Le altre cause del ritardo del ciclo

Stress e stanchezza

Non è sempre il caso di allarmarsi quando il ciclo è in ritardo, anzi: sono molto frequenti le lievi irregolarità del ciclo mestruale durante un periodo della propria vita particolarmente stressante o con ritmi troppo frenetici. Può capitare perfino che si instauri un circolo vizioso: l’eccessiva preoccupazione per un giorno o due di ritardo può generare maggiore ansia, finendo con il rendere più probabile che il ritardo si protragga. Se sei in un periodo particolarmente stressato, prova a rilassarti con rimedi naturali e prendendoti del tempo per te e il problema probabilmente si risolverà in fretta.

quotes-933816_640

Lavoro su turni o cambio drastico di abitudini

Con il ciclo mestruale il nostro corpo dimostra molto bene di essere profondamente interconnesso a fattori e ritmi naturali. Così è per il susseguirsi delle settimane, ma anche per il ritmo del quotidiano: per questo le improvvise alterazioni del ciclo di sonno – veglia o delle abitudini quotidiane può influenzare il ciclo, anticipando o ritardando il ciclo mestruale. Lo stesso inconveniente si può verificare, ad esempio, durante un viaggio lontano, quando le abitudini vengono adattate ad un fuso orario diverso rispetto a quello solito.

Disfunzioni della tiroide

Se il problema si presenta spesso, è il caso di indagare la causa dal punto di vista medico: le irregolarità del ciclo mestruale possono essere un campanello d’allarme per le disfunzioni della tiroide, ghiandola che influenza l’attività di qualsiasi organo del nostro corpo.

Disfunzioni o patologie dell’apparato genitale

Cicli irregolari, con frequenti e prolungati ritardi, possono indicare la presenza di patologie relative all’apparato genitale, come la sindrome dell’ovaio policistico: si tratta di un disturbo comune a molte donne, che però va tenuto sotto controllo per evitare problemi a lungo termine e il rischio di infertilità.

Malattie e farmaci

Non sempre il ciclo in ritardo è conseguenza di un problema che interessa direttamente l’apparato riproduttivo: anche un fisico debilitato da una forte influenza può mostrare qualche ritardo. Se di recente hai affrontato una malattia, la causa potrebbe essere proprio questa. Anche l’assunzione di antibiotici può alterare brevemente il ciclo: in tutti questi casi il disturbo è occasionale e non dovrebbe ripresentarsi con il ciclo successivo.

pills-384846_640

Problemi di peso

Qualche chilo di troppo o una dieta dimagrante sana ed equilibrata non hanno influenza sul ciclo mestruale. Diverso, invece, il caso di sovrappeso notevole ed obesità: questa condizione, negativa per tutto il corpo, può comportare anche alterazioni ormonali che causano il ritardo del ciclo. L’irregolarità può essere un campanello d’allarme anche per chi è fortemente sottopeso: il corpo potrebbe non ricevere sufficiente nutrimento per poter affrontare il ciclo mestruale con regolarità.

belly-2473_640

Premenopausa

Dopo i 45 anni, se il ritardo nel ciclo si manifesta in modo frequente, potrebbe trattarsi di una prima fase verso la menopausa, la quale non subentra in modo improvviso ma è solitamente preceduta da un periodo di ciclo irregolare, che può presentarsi saltando alcuni mesi. Attenzione, se non si desiderano gravidanze: si tratta di un periodo ancora fertile!

Previous post:

Next post:

Powered by Greenbean and Heppni | Privacy Policy