maggio 7, 2013

Intervista a Debora: Pink is the new green è natura e donna

debora_menozziNome: Debora

Nickname: Sita

Età: 39   Dove vivi? Bologna

Un posto che senti tuo, dove ti piace fermarti, e rilassarti! Sulle rive di uno dei tanti fiumi della mia città, dove il gorgogliare dell’acqua copre il rumore del traffico e l’erba del parco si fa strada tra le pietre

Il tuo post preferito del nostro blog Pink is the new Green: il corpo che si ascolta

La vegetazione che senti più vicina a te: I fiori come i ranuncoli, gli alberi come i salici piangenti

Pink is the new green! Sei d’accordo? Come vedi il rapporto tra naturalità e femminilità? Un tempo natura e donna erano sinonimi. Le donne coltivavano le erbe per la comunità e ne conoscevano i segreti medicamentosi e culinari. Per millenni le donne hanno tramandato i segreti delle erbe e di come far nascere la vita … la Donna è incarnazione della Natura, principio e fine di essa.

Prenderti cura di te è… Un bagno caldo con petali di rosa e foglie di salvia e menta, un’olio profumato sulla pelle, un abito di cotone che profuma di pulito ed un tramonto da osservare nel silenzio.

Il ciclo per te è… Il momento più bello per una donna, il momento nel quale fermarsi e raccontarsi, ascoltarsi, il momento di maggior capacità intuitiva di maggior femminilità … un tempo sacro …

Femminilità per te è… Essere se stessa

Come hai conosciuto Organyc? Che prodotti hai usato? Impressioni e suggerimenti! Internet ma non ho ancora provato alcun prodotto.

Hai qualche suggerimento sull’igiene femminile da regalare a chi ti leggerà? Lasciate a bagno 15 minuti una manciata di fiori di calendula nell’acqua calda, coprendo il recipiente e poi utilizzatelo per l’igiene intima, è ottima contro candidosi ed irritazioni varie.

 

  • Jean des Esseintes

    Io sono un uomo, ma è splendido sentir parlare una donna in questo modo della propria femminilità, del proprio mestruo invece di sbuffi immusoniti e nervosi che maledicono “quei giorni” senza nemmeno avere il coraggio di chiamarlo con il suo nome.

  • Nondirestupidaggini

    Non parla della propria femminilità e nel ciclo non c’è nulla che si possa chiamare femminile. Il ciclo trasforma il corpo rendendolo gonfio, dolorante e sporco.
    Se i dolori sono troppo accesi non è possibile neanche alzarsi dal divano senza avere l’impressione che nel tuo basso ventre ci siano delle persone che lo stiano infilzando. Qualsiasi donna che dice ‘il ciclo è il momento piu’ bello della donna’ o ha pochissimo ciclo e se lo gode bene, oppure sta mentendo. Il ciclo è orribile ed è una schiavitù mentale oltre che fisica.

  • Nondirestupidaggini

    Per farti capire, è come se dal pene uscisse del copioso sangue unito alla sensazione che qualcuno dall’interno dei testicoli te li voglia far scoppiare, oltre che continui dolori alla schiena e alle gambe. Chissà come mai anche dopo decenni le donne odiano il proprio ciclo.
    La femminilità è un’altra cosa, il ciclo è solo una maledizione.

Previous post:

Next post:

Powered by Greenbean and Heppni | Privacy Policy