marzo 25, 2013

Organyc a Fa’ la Cosa Giusta! 2013

Organyc a Fa' la Cosa Giusta

Tre giorni, 29mila metri quadrati e oltre 700 espositori, divisi in 11 aree tematiche, 167 tra laboratori, eventi, incontri. Sono solo alcuni dei numeri che descrivono Fa’ la Cosa Giusta, la più importante kermesse italiana sul consumo critico e sugli stili di vita sostenibili, giunta quest’anno alla sua decima edizione.
Si è tenuta lo scorso weekend a Milano, nei padiglioni di FieraMilanoCity: frequentatissima da visitatori di tutte le età, alla scoperta di idee, servizi e prodotti per migliorare la qualità della propria vita e renderla più sostenibile, sia dal punto di vista ambientale che da quello economico.
Organyc era presente, all’interno della sezione dedicata alla cosmesi naturale e biologica, con i suoi prodotti e una promozione speciale per le tante visitatrici che sono passate a trovarci. Ne abbiamo approfittato per visitare gli altri stand, e raccontarvi le novità della sostenibilità al femminile.

Se è vero che “Pink is the new green”, occorre partire dalla moda: perché si può essere fashion e allo stesso tempo rispettare il pianeta! Materiali di recupero, soluzioni innovative e creatività, per la sezione Critical Fashion. E chi non ha potuto fare shopping, può “consolarsi” online su StilEquo, il portale dedicato ai capi realizzati da piccoli produttori artigianali con fibre e colori naturali.
Tra i nostri “vicini di banco”, abbiamo approfittato della prova gratuita di trucco proposta dalla rivista Funny Vegan. Solo cosmetici 100% Cruelty Free, per sentirsi belle non solo fuori.
Al femminile anche tante proposte di viaggio. Nella sezione Turismo Consapevole abbiamo incontrato molti progetti creati da donne imprenditrici con la passione per la sostenibilità, come la Cooperativa la Coccinella, che gestisce 4 rifugi nella bellissima val d’Ossola. E ancora, tante proposte per viaggiare a piedi, una tendenza di cui vi abbiamo parlato proprio qui.

Non possiamo concludere senza ricordare il Progetto Donne. Al centro del programma culturale della fiera di quest’anno, infatti, è stato il tema della violenza contro le donne. Obiettivo: sensibilizzare, informare e presentare il problema in tutte le sue sfaccettature, nella convinzione che costruire la cultura del rispetto sia l’unica strada per contrastare il fenomento.
Dai dibattiti, ai percorsi multimediali, alle iniziative più divertenti come la gara di knitting: tra le tante iniziative, ci ha commosso il documentario Get together girls, su un progetto di sartoria che, in Kenya, cerca di aiutare sei ragazze vittime di abusi a costruirsi un futuro.

Vi aspettiamo l’anno prossimo!

Previous post:

Next post:

Powered by Greenbean and Heppni | Privacy Policy